Aquel 1 de julio que dije «basta»

Todos tenemos fechas que han marcado su vida y yo, como todos, tengo también las mías. Hoy quiero compartir contigo hoy una de esas fechas, una de las más importantes, aquel 1 de julio que dije basta

Aquel día de verano de hace ya 6 años dije basta y dejé la empresa para la que trabajaba para empezar un camino como trabajador autónomo y mi aventura como emprendedor.

 

Lo cierto es que no tenía dudas. Estaba muy seguro de la decisión que había tomado; pero he de reconocer que al mismo tiempo, y aunque de manera controlada, me sentía preocupado por lo que me estaba esperando…

Si algo me han enseñado las 42 primaveras que llevo en mis espaldas es que la preocupación y el miedo forman parte de la vida misma.

Tenemos que aprender a vivir con él. Y cuanto antes lo aceptemos y aprendamos, mejor.  Incluso, si me lo permites, no solo debemos aprender a vivir el miedo y la preocupación, sino también debemos aprender a agradecer que estén en nuestra vida.
¡No hay que huir de ello! 

Siempre he pensado que son de alguna forma la verdadera esencia de la vida misma. Sentir miedo y preocupación nos hace sentir vivos, nos obliga cada día a superarnos a nosotros mismos; son de alguna forma los ingredientes fundamentales en nuestra vida para que podamos crecer.

Aquel día dejaba a mis espaldas más de diez años fantásticos en una empresa que me permitió crecer como profesional y como persona.
Una empresa a la que estaré agradecido toda mi vida. 

El día que dije BASTA

Pero había llegado el momento de decir basta.

No hay más que hablar… el matrimonio había acabado, el amor se había apagado,  y nuestros caminos tenían que separarse.

Entre mi empresa y yo, quien lo tenía más crudo obviamente era yo.
Las mejores empresas nunca pueden tener un empleado indispensable y además yo estaba muy lejos de cubrir este rol.

Por el otro lado, aquel día, yo lo perdía todo para intentar ganarlo todo.
Perdía la seguridad, perdía un trabajo muy muy bien pagado, perdía compañeros de los que aprender cada día, perdía la posibilidad de tener una carrera potente y me obligaba a dar la cara a mi mundo.

En la cultura latina el miedo al fracaso es un cáncer horrible.

En EEUU si en una entrevista de trabajo dices que nunca has fracasado en tu vida, puedes estar seguro que tu proceso de selección ha acabado en ese mismo instante.

El miedo al fracaso es lo que nos para, nos pone trampas y acaba convenciéndonos de volver para atrás porque… ¡Quién sabe lo que dirán los demás si las cosas no van bien!

¿Por qué nos sentimos libres de decir y hacer lo que nos sale de la cabeza cuando estamos lejos de nuestro País?
Porque perdemos el miedo a que algo pueda ir mal. Porque parece que los kilómetros no solo nos alejan físicamente, sino que pone distancia también ante el miedo a tener que enfrentarnos a lo que puedan opinar familiares y amigos…
Perdemos el miedo a atrevernos asumiendo el riesgo de darnos cuenta de que SÍ podemos hacerlo.

Pasamos cada día muchas horas de nuestro tiempo en nuestros puestos de trabajo.
Te invito a hacerte esta pregunta: ¿Merece la pena dejarse llevar en una vida que no nos pertenece o quizás es mejor atrevernos a luchar por un futuro profesional distinto, feliz y que nos llene de orgullo?

No es fácil. ¡Cierto! Pero estoy absolutamente seguro de que todo el mundo no solo tiene el derecho,  tiene también el deber en su vida de lograrlo.

¿No eres feliz en tu trabajo?

¡Deja de quejarte hoy mismo! Quizá es momento de que tú también digas «basta».
Quejarse es la cosa más tonta que uno pueda hacer.

Todos tenemos posibilidad de cambiar el rumbo de nuestras vidas para lograr nuestra felicidad porque la felicidad no es un momento, no es un segundo, lo veo cada día en mi trabajo.

Quien afirma lo contrario es porque lamentablemente no la ha encontrado todavía. Y quizá suelta este tipo de afirmación porque siente envidia hacia quien SÍ se considera feliz.

¿Lo quieres hacer? 

Pues entonces, ¡adelante! No es un camino fácil, lo sabes, pero es como prepararse para una carrera tan dura como el IRON MAN… Hay que prepararse durante años antes de la competición. Y cuando llega el momento de la competición, hay que saber mezclar de forma perfecta músculo y cerebro. Ninguno de los dos te hará llegar al final sin la ayuda del otro.

Pero una vez que hayas llegado… ¡WOW! Qué bonito vivirlo, sentirlo, contarlo… y sobretodo ayudar a que cada vez más gente lo pueda vivir. 

José Ramón Valbuena, coach y formador nos da las claves sobre el futuro del empleo

En la última década hemos vivido un continuo de cambios que se han producido casi a un ritmo vertiginoso. Las nuevas tecnologías e internet lo han cambiado todo. También el trabajo y el futuro del empleo.

Los trabajos que hace solo unos años nos podían parecer de ciencia ficción son hoy una realidad en la que vemos normalizadas profesiones que hace poco solo eran una utopía.


¿Qué hubieras pensado hace 10 años si te hubieran dicho que ser piloto de drones es una de las profesiones con mayor proyección de futuro? Probablemente, lo primero que hubieras preguntado es qué es un dron.

De todo esto y del futuro del empleo he tenido la oportunidad de hablar con José Ramón Valbuena, coach y formador especializado en el ámbito laboral y experto en empleo y liderazgo.
Y a través de este post me gustaría compartir con vosotros las impresiones que hemos intercambiado…

Entrevista a José Ramón Valbuena, coach y formador

Empezamos hablando de los más jóvenes. El futuro es de las nuevas generaciones, así que me interesaba saber cuál es la visión de un experto en liderazgo sobre los retos a los que la juventud ha de hacer frente. Y esto es lo que J.R. me comentó:

«Pienso que tenemos un gran problema de escucha en las escuelas. Los centros de formación y especialización no están escuchando y tampoco están atendiendo las necesidades de las organizaciones de hoy en día.»

«Hoy, empleadores, directivos y responsables requieren de unas necesidades y habilidades a las que no se están prestando atención. El gran reto, quizá, está ahí, en la formación, en la capacidad y predisposición de las escuelas a adaptarse a la realidad«.

Entonces, a todos esos jóvenes que están acabando su formación o saliendo de las universidades, ¿qué consejo le darías?

«El éxito no es solo una cuestión de formación o experiencia. Es importante, por supuesto, pero la verdadera clave del éxito es la actitud.
Mi consejo es que hagan frente a su transición al mundo laboral con una sonrisa y actitud positiva y proactiva.«

Pienso que hay muchos jóvenes con inquietudes y muy buenas ideas… ¿Qué dirías a esos jóvenes con espíritu emprendedor que está dispuesto a emprender y convertir su idea en su negocio?

«Por experiencia propia y por la experiencia que me han dado todos estos años trabajando con profesionales y emprendedores, de nuevo les hablaría de la importancia de la actitud.»

«Te contaré mi experiencia personal: en el 2016, debido a una serie de dificultades por las que estaba pasando en mi vida, tomé contacto por primera vez con el coaching casi por casualidad. Un amigo me lo recomendó como vía para mejorar mi situación. No solo me ayudó, sino que descubrí que era mi pasión.

6 años más tarde, un ERE en mi empresa acabó con mi estabilidad cuando ya había cumplido 48 años… Si he de ser sincero, Erick, aquel día en que perdí el trabajo no fue un día triste, fue para mí el inicio del camino que me llevaría hacia mi sueño: convertirme en Formador y Coach profesional.

Con la misma sinceridad he de reconocer que no fue fácil. Tuve que salir de un plumazo de mi zona de confort, reinventarme, formarme y comenzar casi de cero. Invertí mucho tiempo, todas mis ganas y también mucho dinero. Pero poco a poco las puertas se fueron abriendo, comencé a ver nuevas vías y posibilidades…

Probablemente la mayor dificultad a la que tuve que hacer frente fue a mí mismo. A mis miedos. Y para enfrentar todo esto, de nuevo, ACTITUD ha sido clave y determinante.»

 

 

Perché è importante calcolare la redditività del tuo lavoro

Calcular rentabilidad trabajo

Calcolare la redditività dei lavori che facciamo, specialmente quando siamo imprenditori, è fondamentale. Tuttavia questo è un aspetto sul quale a volte sorvoliamo oppure che mettiamo in secondo piano.

Non sto inventando nulla di nuovo, di fatto questo ha molto a che vedere con l’economia di base dell’impresa. Però è importante metterlo in pratica.
Per alcuni motivi molto importanti:

Da una lato dobbiamo essere consapevoli al momento di avviare un’attività che dobbiamo adottare un atteggiamento da imprenditori e da economisti. Dall’altro lato calcolare la redditività dei nostri lavori ci aiuta a prendere coscienza di quello che stiamo facendo, aiutandoci a prendere anche le decisioni più giuste.

Penso che siamo tutti d’accordo sul fatto che, quando decidiamo di avviare un’attività, l’obiettivo è quello di vivere del nostro progetto.
Per questo motivo sin dall’inizio del nostro progetto dobbiamo analizzare e misurare i risultati, prendere in esame ogni aspetto e, ovviamente, calcolare la redditività di quello che stiamo facendo.

Il primo passo dunque deve essere quello di non affezionarci ai nostri progetti. Naturalmente è probabile che si tratti del nostro sogno, delle nostre illusioni che cercano di materializzarsi, però dobbiamo essere coscienti sin dall’inizio che se le cose non vanno bene la priorità deve essere quella di non rovinarci. Fare un passo indietro per tornare ad avere un’altra opportunità che ci permetta di avanzare nuovamente in direzione del nostro sogno.
Viceversa se otteniamo dei risultati che ci fanno crescere allora dobbiamo trovare quel fattore che ha dato il via alla crescita e fare di tutto per potenziarlo e renderlo costante in maniera esponenziale. Ed è proprio qui che entra in gioco l’importanza di misurare la redditività dei nostri lavori.

Perché misurare la redditività dei tuoi lavori e/o servizi

Perché è il modo più affidabile per conoscere i prodotti o servizi che ti offrono la maggiore redditività e anche per rintracciare quelli che ti offrono una redditività bassa o nulla. Si tratta quindi del modo migliore per scartare o modificare quello che non è redditizio e potenziare e migliorare ciò che invece lo è.

Ti invito a porti la seguente domanda:

Qual è il guadagno netto che vuoi ottenere con la tua attività?

Non all’inizio della tua attività. Lo sappiamo che qualsiasi attività ha bisogno di un certo tempo così come di fare un certo percorso prima di poter arrivare ai guadagni sperati. Mi riferisco al tuo obiettivo.
Devi averlo molto chiaro sin dal principio e darli un valore.

Lasciati aiutare

È praticamente impossibile controllare in maniera professionale ogni singolo aspetto di un’attività ed è per questo che, in quei punti in cui non ti senti sicuro, sei cosciente di non avere il controllo o sai che non è competenza diretta della tua attività, allora lasciati aiutare!

Fatti consigliare dai professionisti adeguati in ognuno di questi aspetti. Per esperienza ti raccomando di farlo. Se non conosci la materia lascia che un commercialista si occupi delle questioni fiscali e contabili, se non sei un grafico affida il disegno del logo della tua attività a chi invece lo è…
In questo modo non solo guadagnerai tempo ma ti assicurerai di costruire un progetto su basi solide.

Ci sono costi che in realtà sono dei veri e propri investimenti.

Forza e coraggio allora!

Lavorare gratis? No, grazie!

no, gracias

È possibile che durante la tua carriera professionale ci saranno dei momenti in cui avrai la sensazione di dare molto più di quello che dovresti.
Tranquill@, ci siamo passati tutti o quasi tutti.
Il problema è che questa sensazione provoca un effetto tutt’altro che positivo…per questo è importante rimediare quando ci troviamo in una situazione di questo tipo.

Secondo la mia esperienza prima di passare all’azione credo che la cosa migliore sia prendere coscienza di quello che stiamo facendo.
Stai lavorando gratis? Stai offrendo la tua conoscenza? Il tuo tempo?
Analizza la situazione e prendi coscienza di quello che stai facendo.
In questo modo potrai andare alla radice del problema, potrai trovare la ragione, il motivo per il quale lo fai.

Il nostro tempo ha un valore, le nostre conoscenze anche. Per questo offrirle «gratis» è un grande errore.
Quando fai qualcosa senza ricevere nulla di concreto in cambio fallo con coscienza, fallo sapendo che quello che fai ha un valore e per questo non è gratis ma un regalo. È importante che tu lo sappia per evitare quella sensazione di cui parlavamo al principio; ed è anche molto importante che la differenza fra «gratis» e «regalo» la sappia anche l’altra parte coinvolta e che abbia molto chiaro che non stai lavorando gratis ma gli stai facendo un regalo.

Devo fare un grande sforzo per non dire ciò che penso riguardo a questa realtà purtroppo molto ricorrente, soprattutto negli ultimi tempi, dove si propone a qualcuno di lavorare gratis in cambio di una supposta ricompensa che logicamente arriverà con il tempo insieme ai risultati dello stesso progetto.
Non è logico per niente invece! Penso che questo modo di agire sia un vero e proprio cancro della nostra società. Non è qualcosa che influenza solo chi accetta ma che mortifica anche chi lo chiede o se lo aspetta…mentre rifiutare una proposta del genere conferisce dignità.

3 principali motivi per NON lavorare GRATIS

Se se ne approfitta una volta non dubiterà a farlo di nuovo

Pensaci bene. Davvero credi che una persona capace di approfittarsi delle tue conoscenze, del tuo lavoro o del tuo tempo sarà in grado di valorizzarlo in futuro?
Mi spiace dirti che il 99,9% delle persone disposte ad approfittare del lavoro di qualcuno non darà mai valore allo sforzo e al lavoro degli altri.
E sono stato generoso con le percentuali.

La tua autostima ne risentirà

Nello stesso momento in cui una persona comincia a lavorare gratis la sua autostima comincia a scendere, a cadere a picco. Se tieni presente che si tratta di un’azione che richiede uno sforzo che non verrà mai ricompensato è normale che l’autostima si abbassi.

Potrebbe spargersi la voce che lavori gratis/h3>
Uno dei più grandi rischi del lavorare gratis è, senza alcun dubbio, il pericolo che si sparga la voce…Riesci a immaginare cosa accadrebbe se si diffondesse la credenza che lavorare gratis è il tuo modus operandi?
Immagini il disastro che significherebbe per te e per il tuo lavoro una cosa di questo genere? Saresti avvolto da una spirale dalla quale difficilmente riuscirai a uscire e che non ti porterà alcun beneficio, anzi tutto l’opposto.

Cosa ne pensi di questo argomento? Ti sei mai ritrovato nella situazione in cui qualcuno ti ha chiesto di lavorare gratis? Come hai reagito?

Intervista a Jake Stainer, CEO di Papora

Conoscere imprenditori che sono già a un certo punto della loro carriera, scoprire le loro esperienze, sapere come lo hanno fatto e quali sono stati gli errori, è davvero di grande aiuto per chiunque stia pensando di avviare un proprio progetto imprenditoriale.

jake stainerIn questo caso ho il piacere di conoscere e parlare con Jake Stainer, CEO della startup Papora, dedicata alla formazione e più concretamente all’apprendimento di nuove lingue. Papora permette di imparare l’inglese in un modo molto rapido quasi come fossimo dei madrelingua.

Sei davvero molto giovane, in quale momento della tua vita hai deciso di avviare un’attività imprenditoriale e perché?

Sin dall’età di 11 anni ho iniziato a interessarmi a tutto ciò riguarda il mondo di Internet e sono sempre stato molto curioso. Alla stessa età ho creato il mio primo sito web usando Microsoft FrontPage.

Passarono altri 5 anni e partecipai a uno scambio di lingue a Gijón (Spagna), quando ho deciso di creare un sito, nel 2009, dove la gente potesse fare uno scambio di lingue tramite Internet e in maniera gratuita.

Come sono arrivati i miei primi clienti? Fu grazie al fatto che mi regalarono un cupon di AdWords di 75 libbre, che usai per avere della pubblicità su Google Search, questi clienti poi hanno invitato i loro amici, etc. Così ho iniziato a crescere…

Quello che era un hobby si convertì in un bussiness quando arrivai ai 25 mila utenti, decisi quindi di fare il grande salto e iniziare a creare prodotti, nello specifico corsi di inglese e spagnolo online, per rispondere alle necessità degli stessi utenti.

Qual è stata la difficoltà più grande che hai incontrato? Guardandoti indietro c’è qualcosa che cambieresti o faresti in modo diverso?

Cercai di fare troppe cose tutti insieme:

Decisi di creare un corso di inglese e spagnolo non solo per desktop ma allo stesso tempo anche come applicazione iOS.

Questo è stato un grande errore da parte mia perché non creai un MVP che invece è molto importante perché ti permette di provare e ottimizzare il tuo prodotto prima di investire troppe risorse in esso.

Quali sono i tuoi obiettivi a medio/lungo termine?

paporaLa mia impresa, Papora, ha un modello di business a sottoscrizione premium.

Con questo modello parliamo di ARR, che vuol dire benefici annuali ricorrenti (Annual Run Rate). Il mio obiettivo a medio/lungo termine è quello di raggiungere un ARR de €1M il che vuol dire avere più o meno 16.000 sottoscrittori attivi.

Inoltre vogliamo ampliare i nostri servizi anche al settore mobile perché per il momento si possono fare solo sul desktop.

Il 50% delle ricerche su questo tema si fanno ormai attraverso un dispositivo mobile e quindi è imprescindibile esistere anche su questo mercato.

Il momento di maggior timore nella tua avventura imprenditoriale? E quello di massima soddisfazione?

Fino a questo momento il momento di maggior timore è stato in un’occasione che forse può sembrare banale. Si trattava di costituirsi come società. Quando succede ti trovi in un attimo ad avere responsabilità legali, entri in un mondo nuovo e tutto si trasforma in qualcosa di molto serio e reale.

Per un altro verso i momenti di maggiore soddisfazione sono quando ricevo messaggi da parte dei miei clienti che mi raccontano come studiare l’inglese con Papora abbia avuto degli effetti positivi per loro e per le loro famiglie, perché sapere l’inglese e migliorare il tuo lavoro non influenza solo la tua vita personale ma anche quella della tua famiglia.

Che ruolo giocano nel tuo business i social network?

A dire la verità un ruolo non tanto importante. In questo momento siamo super concentrati su canali organici come SEO/Google e a pagamento come AdWords e Facebook, perché sono canali che portano a un ROI positivo, rispetto ai social network che hanno un obiettivo differente.

Quando si ha un’impresa sul web gli obiettivi connessi ai social network riguardano la diffusione del brand e aiutare la parte media dell’imbuto di conversione.

Quando cresceremo e avremo le risorse necessarie allora approfitteremo anche di questi canali, però per il momento il nostro focus è sull’acquisizione.

Dopo avere percorso parte di questo cammino e con una certa esperienza alle spalle, cosa consiglieresti a coloro che vogliono avviare un’attività imprenditoriale ma non riescono a fare il grande salto?

Capisci qual è la tua passione e trasformala in un business. Cerca di capire in che modo può risolvere un problema comune a molte persone e come può dare un valore aggiunto alla loro vita. Non creare un business tanto per o solo per guadagnare soldi.

Per me è stato un autentico piacere conoscere Jake, scoprire la sua storia come imprenditore e naturalmente imparare dalla sua esperienza. Spero che anche per voi la sua storia sia tanto interessante quanto lo è stata per me. Senza alcun dubbio sono d’accordo con il consiglio che ha dato Jake, se stai pensando di avviare un’attività imprenditoriale prima di lanciarti in questa avventura:

❝ Non avviare un’attività tanto per o con il guadagno come unico scopo. Cerca la tua passione e trasformala in un business.

Se vuoi essere un imprenditore dovrai imparare a prendere decisioni rapide

tomar decisiones

Nella vita si prendono continuamente delle decisioni. Anche quando non decidiamo stiamo in realtà decidendo.

Parliamo di progetti e attività imprenditoriali. Diventare imprenditori significa prendere decisioni sin dal principio…Alcune evidenti e prevedibili; in altre occasioni però le circostanze ci obbligheranno ad agire in modo rapido; scegliere, decidere, prendere decisioni in pochissimo tempo.

Questa è una costante sin dall’inizio di qualsiasi progetto e continuerà a esserlo durante tutto il percorso di vita del progetto.

La chiave per prendere decisioni consiste nel focalizzarsi in esse e prendere coscienza della scelta in questione, per analizzare la situazione, valutare i pro e i contro e tenere in conto tute le opzioni che abbiamo.

Non sempre però le cose sono facilmente controllabili, passiamo troppo tempo soppesando le possibilità che abbiamo e quindi ci mettiamo troppo ad agire.
Ci saranno anche delle volte in cui non potremo controllare il tempo che abbiamo a disposizione per prendere una decisione e dobbiamo agire e decidere mentre siamo in cammino, in maniera immediata.

Quel che è certo è che davanti a tutte queste possibili circostanze la cosa migliore è essere preparati.

Diventare imprenditori vuol dire essere flessibili

La flessibilità deve essere una delle caratteristiche di qualsiasi imprenditore.
Solo la capacità di adattarci a qualsiasi situazione, di fluire, ci permetterà di sopravvivere. Quelli che si sono già avventurati nell’avviare un progetto imprenditoriale lo sanno molto bene, per quanto possiamo pianificare, per quanto possiamo definire ogni tappa o fase, la realtà ci mette sul cammino delle variabili che non sempre abbiamo previsto.

Inoltre questo aspetto assume un andamento esponenziale. Man mano che il progetto avanza e cresce appariranno più situazioni in cui la capacità di prendere decisioni in maniera rapida ci sarà molto utile.

Come migliorare la tua capacità di prendere decisioni rapide

Come qualsiasi altro imprenditore anche io mi sono confrontato con questa realtà e ho sperimentato la necessità di imparare a prendere delle decisioni rapide.

Mi ha aiutato molto cominciare ad allenarmi nelle situazioni quotidiane.
Può sembrare banale ma il semplice fatto di non metterci un’eternità davanti al menù di un ristorante per me ha fatto la differenza. Una scelta rapida dopo un’occhiata veloce, può sembrarvi incredibile, ma può essere di grande aiuto.

Decidi senza pensarci troppo! Corri il rischio di riceve una sorpresa…potrebbe essere negativa ma anche decisamente positiva.

È un esercizio molto semplice. I rischi sono bassi e sono sicuro che ti aiuterà ad abituare la tua mente a reagire in maniera rapida.

Punta in alto. L’ ambizione non è negativa!

ambicion

Nell’articolo precedente vi ho parlato di ambizione. O meglio vi invitavo a fissare degli obiettivi ambiziosi, toccando di sfuggita questo tema e promettendovi che ne avrei parlato con più calma. Ritengo la questione talmente importante che ho deciso di dedicare un intero articolo sull’argomento ambizione, perché è una questione che è strettamente connessa all’attività imprenditoriale e in generale con la realizzazione di qualsiasi sogno.

Tendiamo a pensare che vivere giorno per giorno senza guardare troppo oltre sia l’ideale. Chi lo sa cosa può succederci domani? Certo ha la sua logica ma personalmente non è un opinione che condivido, almeno non del tutto.

Vivere intensamente e godere di ogni giorno è fondamentale. Dobbiamo approfittare di tutto ciò che abbiamo, assaporarlo ogni giorno. Ma questo non deve impedirci di puntare alto

Viviamo in un mondo la cui cultura, sin da quando siamo molto piccoli, ci dice che l’ambizione è qualcosa di negativo; ci fanno credere che essere ambiziosi ci trasforma in persone superficiali, materialiste ed egoiste. Grande errore. Questo porta molti di noi a cadere nel triste errore di aspirare a poco ed essere conformisti a causa della paura e dell’insicurezza create da queste credenze che la società provvede a inculcarci sin da quando siamo bambini.

Ti invito a tirare un colpo sul tavolo e a ribellarti. Essere ambiziosi non è niente di negativo! Non dubitare più di te stesso e delle tue capacità e comincia a pensare in GRANDE.

Pensa al tuo progetto, visualizzalo senza limiti…smettila di boicottarti e al posto di tarparti le ali un’altra volta comincia invece a volare.

Quante volte hai avuto un’idea o un sogno che volevi realizzare e hai trovato mille scuse e impegni per sminuire questa idea? E’ successo a tutti. Si chiama paura. Certamente è molto più facile lasciarsi trasportare dalla corrente che risalirla…e scegliamo di farci trascinare dalla paura e dall’insicurezza.
Tuttavia ti invito a recuperare queste idee e progetti che non hai avuto il coraggio di avviare, sogni irrealizzati, guardati intorno…
Sono sicuro che molti lo hanno già fatto. E allora perché non puoi farlo anche tu?

Quello che voglio dire è che avere paura va bene, quello che non va bene è lasciare che questa paura ci paralizzi. Lasciarsi dominare dalla paura è un GRANDE errore.
E per non cadere in questo errore il segreto è tutto nel pensare in GRANDE.

Lascia che ti dica una cosa: non sei l’unico che ha o ha avuto paura. Tutti abbiamo avuto paura qualche volta. Però devi sapere anche che la paura è qualcosa che tutti siamo capaci di vincere. Per farlo devi fronteggiarla a muso duro e convincerti che puoi farlo, solo così vincerai la paura.

Voglio concludere questo post con una domanda. E anche con una risposta.
Non fraintendetemi, non è questione di maleducazione…ma è la risposta che io considero più adeguata a questa domanda.
Tutti dovremmo dare questa risposta con tanta determinazione:

Che cosa sarebbe la vita se non avessimo il coraggio di provare qualcosa di nuovo? —Vicent Van Gogh—

A mio parere una grande risposta a questa domando è ciò che disse un giorno Voltaire: Chi vive prudentemente, vive tristemente.

E tu? cosa ne pensi dell’ambizione?

Se vuoi diventare imprenditore: pianifica e poniti obiettivi ambiziosi

planifica

Lanciarsi in un’avventura imprenditoriale non è complicato, almeno all’inizio.
Di fatto iniziare il cammino è la parte più facile e inoltre ci dà anche una scossa di adrenalina. Il difficile arriva man mano che continuiamo…

La perseveranza è gran parte di ciò che differenzia gli imprenditori di successo da quelli che abbandonano lungo il cammino. 

Se hai deciso di avviare un’attività imprenditoriale ti faccio i miei complimenti e mi prendo la libertà di darti un consiglio: non avere fretta.
Più avanti, lungo il percorso, ci saranno poi i momenti in cui accelerare.

Forse le tue circostanze non sono del tutto favorevoli…però se sei determinato e credi nel tuo progetto non desistere e non cedere davanti alle prime pressioni, almeno non per quanto riguarda la pianificazione del progetto.

Cosa, come e quando

Focalizzati su quello che vuoi fare. E una volta che lo avrai ben chiaro, definisci molto bene quello che andrai a fare; sicuramente questo percorso ti porterà a fare i conti con possibilità che neanche avevi immaginato, ma è comunque necessario definire bene quello che andrai a fare per non rischiare di perderti. E finalmente, quando avrai chiaro quello che farai, è molto importante che tu definisca come e quando lo andrai a fare.
Metti sul tavolo tutte le tue risorse e gli strumenti e in base a questo disegna il tuo progetto. Quasi certamente incontrerai difficoltà o mancanze; o per lo meno aspetti che richiedono di essere migliorati; Non ignorarli! Al contrario, tienili ben presenti perché sicuramente ti creeranno delle difficoltà a un certo punto del percorso.

Avere sempre ben chiare le tue mancanze e lavorare duro per migliorarle è ciò che farà di te un buon imprenditore.

Il cammino non sarà sempre facile, così ti anticipo che dovrai poter contare su molta costanza e rigore, sono queste infatti le chiavi per costruire il tuo progetto su una base solida.

Poniti obiettivi che siano ambiziosi

Non esistono piccoli sogni. Poniti obiettivi che siano ambiziosi e poi provvedi a fissarti obiettivi a breve, medio e lungo termine.

Ti suggerisco di chiederti ogni giorno: dove sono oggi? dove voglio essere fra 6 mesi? e dove voglio arrivare in 2 anni?
Cerca di non andare mai a dormire la sera senza aver fatto almeno un passo che ti avvicini a questi luoghi dove vuoi arrivare.

E’ necessario essere realisti ma questo non deve impedirti di lasciar volare la tua immaginazione, né di tagliare le ali alla tua ambizione…
E, soprattutto, non lasciare che le tue idee si perdano. Per evitarlo la cosa migliore è un foglio di carta dove potrai appuntarle una dietro l’altra.

Con tutte queste idee che avrai scritto su un foglio di carta o su un blocchetto di appunti, dovrai fare in modo che possano uscir fuori, dovrai trasformarle nei TUOI OBIETTIVI.
E come dicevo prima, non aver paura di fissarti obiettivi ambiziosi, non lasciarti sopraffare da quanto sia complicato conseguirli e, soprattutto, tieni presente che essere ambiziosi, a differenza di quello che ci hanno fatto credere, non è nulla di male (e di questo mi piacerebbe parlarne più approfonditamente in un altro post).
Ordina le tue idee in funzione delle tue priorità e fai in modo che diventino realtà. Senza paura, con determinazione e fiducia in una buona pianificazione.

Come automotivarsi quando le cose non vanno bene

como-automotivarte

Non è facile mantenere alta la motivazione. Tuttavia è sorprendente a volte la facilità con cui ci scoraggiamo…

Se c’è qualcosa che ho imparato quando ho deciso di mettermi in proprio è che la motivazione è un fattore chiave per continuare a lottare e realizzare i nostri sogni. Dobbiamo imparare ad automotivarci.
Per raggiungere qualunque obiettivo, dal più ambizioso al più piccolo, avrai bisogno di motivazione: se vuoi creare un’impresa, se vuoi fare sport…qualsiasi cosa tu voglia fare avrai bisogno di motivazione per ottenerla.

Sono consapevole di quanto sia importante la motivazione per realizzare i nostri obiettivi. Per questo voglio darvi alcuni consigli che mi hanno aiutato nei momenti difficili, quando le cose non andavano come avevo previsto, quando i risultati non arrivavano:

Visualizza i tuoi obiettivi

A volte non otteniamo ciò che vogliamo perché non sappiamo esattamente cosa desideriamo.

Prova a fermarti per un momento, siediti davanti a un foglio bianco con una penna in mano e scrivi esattamente quello che vuoi.
Fai una lista di tutto ciò che desideri ottenere. Una volta che lo avrai chiaro e scritto nero su bianco, guarda il foglio.
E’ possibile che a volte dovrai tornare a guardarlo per reindirizzarti e focalizzarti…

Dividi il tuo grande obiettivo in piccoli obiettivi

Ora che sai ciò che vuoi, hai bisogno di un piano, una strategia, perché senza di questa i tuoi obiettivi resteranno solo dei desideri. Inoltre ti assicuro che il semplice fatto di tracciare un piano e conoscere i passi che devi fare per ottenere ciò che vuoi ti servirà a motivarti. Quindi cosa aspetti? inizia a elaborare la tua strategia…Naturalmente sempre con i piedi per terra e stabilendo passi e scadenze che siano realisti.

Pensa positivo

Ogni volta che ti trovi davanti a una nuova sfida, pensa positivo. Pensare negativo attirerà solo cose negative, utilizza questa energia per attirare cose positive.

Non è sempre facile mettere in pratica questo atteggiamento, ma non è impossibile. Quando rintracci dentro di te pensieri negativi, fermati e comincia a vedere le cose da una prospettiva più positiva.

Premiati

Quando il nostro obiettivo ha bisogno di tempo e sappiamo che lo otterremo solo a lungo termine, è facile sentirsi invasi da un senso di stagnazione che mina la nostra motivazione.

Ricordi quando ho detto di dividere gli obiettivi grandi in obiettivi più piccoli? Bene, ogni volta che raggiungerai uno di questi piccoli obiettivi non dimenticare di premiarti. E’ un piccolo risultato che ti avvicina alla tua meta: devi celebrarlo e premiarti per essere riuscito a conseguirlo.

Ti assicuro che se lo farai, con ogni piccolo obiettivo realizzato vedrai la tua motivazione uscirne rafforzata.

Oltre a questi tre consigli che con me hanno funzionato per alzare la motivazione nei momenti stagnanti, è importante che tu scopra quello che ti demotiva.
Tutto gira molto veloce e a volte è necessario mettere il freno e analizzare cos’è che ci ruba energia e consuma la nostra motivazione, a volte non vogliamo neanche vedere la realtà per ciò che è.
Ti invito a farti questa domanda: Cosa mi demoralizza? Sii sincero con te stesso: forse è il tuo lavoro oppure qualcuno che ti è vicino…qualsiasi cosa sia trovala e poi eliminala dalla tua vita. O meglio, sostituiscila con qualcosa che ti motivi e ti dia slancio.

Come avere un blog eccellente

blog-existoso

Quando parliamo di blog, che siano personali o aziendali, la concorrenza è davvero travolgente. Professionisti e imprese hanno iniziato a capire l’importanza dei contenuti e hanno tracciato ognuno la propria strategia
(alcune migliori di altre) rispetto alla quale, il blog, è uno degli strumenti migliori che si possano utilizzare.

Essendo consapevole che la concorrenza e molto grande e molto forte, se vuoi sfruttare al meglio il tuo blog e utilizzarlo per fare la differenza, devi necessariamente elaborare un buon piano. Per esperienza so che solo eccellono coloro che possono contare su una buona strategia e non fanno le cose tanto per, ma sono disposti a farle bene.

La grande domanda che tutti ci facciamo è «perché alcuni blog risaltano e fanno la differenza mentre altri no?
Quel che è certo è che ci sono diversi motivi e fattori che influiscono, ma se analizziamo blog di successo vedremo chiaramente che hanno alcuni elementi in comune che contribuiscono a questo successo:

Un’immagine vale di più di mille parole

La maggior parte dei blog di successo hanno una buona grafica e un’immagine molto curata. Mi spingo ancora oltre e dico che la loro immagine è adattata e personalizzata.

Non si tratta solo di avere un’immagine attrattiva, ma anche che permetta agli altri di identificarsi attraverso di lei. Mi riferisco a coloro che hanno fatto in modo che il proprio blog formi parte della loro identità corporativa, ottenendo che, anche se eliminassero il loro nome o il logo dal sito, gli utenti riconoscerebbero comunque di quale brand si tratti.

Contenuti di qualità

L’ho già detto in tantissimi articoli, i contenuti che offriamo alle persone che ci seguono, agli utenti, ai nostri clienti o potenziali clienti, devono essere originali e di qualità. Devono essere utili, risolvere i loro dubbi o inquietudini, apportare valore.

Se parli sempre delle stesse cose credendo che il semplice fatto di pubblicare articoli in modo regolare ti permetta di avere un blog di successo, ti stai sbagliando. Se vuoi fare la differenza, emergere fra i tanti blog che esistono, dovrai apportare valore offrendo cose diverse: il tuo punto di vista, la tua esperienza, etc.

Inoltre, quando arriva il momento di creare contenuti non limitarti, apri la tua mente e utilizza tutti gli strumenti a tua disposizione; non scrivere solo articoli, crea contenuti attraverso video, immagini, infografiche, podcast, etc.

Quello che c’è dietro al tuo blog

Parliamo di grafica e contenuti, potremmo menzionare l’importanza della diffusione dei tuoi post sui social networks, etc. Ma quello di cui non si parla molto è di ciò che c’è dietro al tuo blog, di tutti gli strumenti e le funzioni che ci aiutano a trasformarlo in uno spazio pratico per gli utenti, funzionale e interessante per chi ci legge e anche per chi si ritrova a fare una ricerca, etc.

I blog che funzionano bene, che fanno la differenza in mezzo a tanti, hanno una serie di componenti o pluggings che ci permettono di introdurre nuove funzionalità (a volte visibili e utili per gli utenti, altre utili solo per noi; e che ci portano informazioni preziose per gestire il blog).
A volte questi strumenti sono gratis, ma altre volte no. E’ necessario imparare a valutare quali sono quelle importanti, necessarie e che ci aiutano a portare il nostro blog su un altro livello.